Teatro Elfo Puccini: “Atti osceni”

osceni
foto Laila Pozzo

Atti osceni, che torna in scena dopo il successo del 2017, è parte di un dittico di spettacoli che Ferdinando Bruni e Francesco Frongia hanno dedicato a Wilde e compone, con L’importanza di chiamarsi Ernesto, un grande affresco concepito per contrasti.

Al capolavoro di eleganza e di satira con il quale lo scrittore irlandese aveva fatto a pezzi l’ipocrisia della sua epoca fa da specchio questo dramma che racconta i suoi ultimi anni, quando venne messo alla gogna dal conformismo della società vittoriana che prima lo aveva osannato. E se L’importanza di chiamarsi Ernesto nella versione di Bruni e Frongia è una commedia dominata da atmosfere e colori sgargianti, questo secondo spettacolo vive di chiaroscuri e tagli di luce che ricreano l’aula di tribunale in cui vanno in scena i tre processi che coinvolsero Wilde nel 1895. L’intricata vicenda è ricostruita da Moisés Kaufman in questo bellissimo testo che riesce ad aprire squarci commoventi e poetici nel serrato dibattito giudiziario.

Uno spettacolo che travalica i confini di un’appassionante ricostruzione storica per trasformarsi in un rito teatrale in cui si parla di arte e di libertà, di sesso e di passione, interpretato da un gruppo di nove attori, Ciro Masella, Nicola Stravalaci, Riccardo Buffonini, Giuseppe Lanino, Edoardo Chiabolotti, Giusto Cucchiarini, Ludovico D’Agostino, Filippo Quezel, guidati da Giovanni Franzoni nella parte protagonista.

Venerdì 10 gennaio, inoltre, sarà possibile incontrare nell’atelier del teatro l’autore Moisés Kaufman a partire dalle 18.30. Insieme a lui anche i registi Francesco Frongia e Ferdinando Bruni con la giornalista di Radio Popolare Ira Rubini a fare da moderatrice. Incontro a ingresso libero.

ATTI OSCENI
I tre processi di Oscar Wilde
di Moisés Kaufman
traduzione Lucio De Capitani
regia, scene e costumi Ferdinando Bruni e Francesco Frongia
con Giovanni Franzoni, Riccardo Buffonini, Ciro Masella, Nicola Stravalaci, Giuseppe Lanino, Giusto Cucchiarini, Filippo Quezel, Edoardo Chiabolotti, Ludovico D’agostino

DOVE? Teatro Elfo Puccini

QUANDO? dal 9 al 19 gennaio ore 20.30 (domenica ore 16, lunedì riposo)

PREZZI: intero € 33 / martedì posto unico € 22 / rid. giovani e anziani €17,50

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*