I classici dell’Elfo online dal 26 marzo al 2 aprile

osceni
foto Laila Pozzo

Per questo secondo appuntamento con lo showcase degli spettacoli dell’Elfo (online dal 26 marzo al 2 aprile) il palinsesto si amplia e dai classici si apre alla drammaturgia dei nostri giorni. Proponiamo uno spettacolo che ha avuto un grande successo al debutto nel 2017 e alla ripresa andata in scena nello scorso gennaio, amato da tanti spettatori: Atti osceni – I tre processi di Oscar Wilde. Da vedere e rivedere.
Un grazie di cuore va a Moisé Kaufman, autore del bellissimo testo, che con un gesto di solidarietà ha acconsentito alla pubblicazione del video.
Ma anche i classici non mancano e non manca la musica e la poesia, da ascoltare oltre che da vedere. In primo luogo Shakespeare, presente con sonetti portati in scena da Elena Russo Arman con Alessandra Novaga alla chitarra, quindi l’omaggio ad Edgar Alan Poe di Bruni/Frongia con le musiche originali di Teho Teardo.

In attesa di poter nuovamente incontrare il pubblico nelle sale dell’Elfo Puccini, stiamo provando a condividere le emozioni del palcoscenico in modo diverso e il successo che hanno avuto i primi video proposti ci fa sperare di riuscirci almeno un po’.

Ecco i titoli on line da giovedì 26 marzo:

ATTI OSCENI I tre processi di Oscar Wilde
di Moisés Kaufman
regia, scene e costumi di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia
con Giovanni Franzoni, , Nicola Stravalaci, Riccardo Buffonini, Giuseppe Lanino, Edoardo Chiabolotti, Ciro Masella, Ludovico D’Agostino, Filippo Quezel.

Un racconto biografico, un legal thriller ambientato nel 1895 alla Corte di Londra, scandito da una frase lapidaria: ‘la Regina contro Oscar Wilde’. Atti osceni è tutto questo e molto di più: è un rito teatrale in cui si parla di arte, di libertà, di teatro, di sesso, di passione.

UNA SERIE DI STRAVAGANTI VICENDE un omaggio a Edgar Allan Poe
scritto, diretto e illustrato da Ferdinando Bruni  e Francesco Frongia, con Ferdinando Bruni.

Un viaggio oltre uno specchio nero in un paese delle meraviglie al negativo. Paura, ma anche ironia, disperazione, ma anche passione e l’inesausta voglia di raccontare storie. E poi la poesia: ballate misteriose e filastrocche inquietanti. La voce di Bruni dialoga con le musiche e i suoni di Teardo e le immagini di Francesco Frongia in questo viaggio nella parte oscura della luna.

DOVE SEI, O MUSA,  i sonetti di Shakespeare, portati in scena da Elena Russo Arman, con Alessandra Novaga alla chitarra.

Un viaggio emozionante attraverso 22 sonetti di Shakespeare e attraverso le musiche di John Dowland, che prendono vita grazie alla voce di Elena Russo Arman – qui anche regista – e alla chitarra di Alessandra Novaga.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*