Stanze: “Memoria dello Studio per le Serve”

Il 27 marzo 2017 torna l’appuntamento con Stanze, esperienze di teatro per appartamento, che propone lo spettacolo Memoria dello Studio per le Serve, una produzione della Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa in un’edizione rinnovata rispetto a quella che misero in scena trent’anni fa.

Racconta lo spettacolo Marco Isidoro, responsabile della direzione:

Nel 1984, in una soffitta torinese del quartiere di San Salvario, precisamente nell’occhio del ciclone interrazziale che sta tra la via di Nizza e la via Berthollet, i Marcido esordivano con questo spettacolo tratto dalle Serve di Jean Genet; una performance che produsse un’eco non secondaria nel panorama della ricerca teatrale italiana, suscitando adesioni appassionate (quella di Giuseppe Bartolucci, ad esempio, che fu fondamentale affinché i Marcido esistessero) e altrettanto appassionati dissensi. […]

Lo Studio per le Serve, è stato senza dubbio, nella strenua condensazione dei suoi segnali, uno spettacolo dalla forza drammatica molto inusuale, sia per l’inflessibile determinazione coreografico-vocale che ne reggeva lo scheletro, sia per la prestazione superlativa e veramente “fuorimisura” di Maria Luisa Abate, allora alla sua prima prova importante […] Riproporre oggi lo Studio del 1984, nell’interpretazione di Maria Luisa Abate e di Paolo Oricco, significa scommettere sulla “tenuta” storica del Teatro, poiché crediamo fortemente nelle sorti dello spettacolo dal vivo e nella possibilità di trasmettere alle generazioni che s’affacciano, quella specifica qualità di “presenza dimostrante” che nessun’altra forma di intrattenimento spettacolare può possedere≫ .

MEMORIA DELLO STUDIO PER LE SERVE
da Jean Genet
con Maria Luisa Abate e Paolo Oricco
direzione Marco Isidori
produzione Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa

DOVE? Stanze, presso la Corte dei Miracoli

QUANDO? lunedì 27 marzo ore 20

PREZZI: biglietto unico 10€ (prenotazione obbligatoria)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*