Teatro LabArca: “Matermundi”

 Lo spettacolo, incardinato sulla figura di Madre Francesca Saverio Cabrini ( Giulia Lazzarini ), racconta la storia di una rimozione: quella dell’emigrazione italiana da fine ‘800 agli anni ’50, nelle sue varie forme, all’estero, stagionale ( verso Francia, Svizzera, Austria ), interna ( dal Sud al Nord).    

     Per ragionare sulle odierne, quotidiane ondate migratorie, è necessario ri-portare alla luce proprio quel rimosso, ricostruirne i connotati, per cercare di capire cos’è successo alla memoria di questo Paese, ormai quasi completamente isterilita: si parte dalla Commedia dell’Arte, dallo Zanni ( Enrico Bonavera ) che racconta del suo viaggio in barca sul Po con altri attori in cerca di cibo – annegheranno tutti – per arrivare ai nostri giorni attraverso situazioni emblematiche. Man mano che il racconto procede, ecco che si fa sempre più transnazionale, universale, paradossalmente atemporale. Sono storie di ieri? Di un passato remoto? Di un futuro prossimo? Sono inventate, vere, finte?    

     Situazioni diverse attraverso forme stilistiche diverse: la lettura/ monologo di Madre Cabrini,i testi dell’Arcivescovo di Piacenza G.B. Scalabrini ( Franco Sangermano ), il primo a esserci pre-occupato dell’emigrazione italiana, brevi interventi sceneggiati interpretati da giovani allievi attori, contrappunti musicali dal vivo (fisarmonica, sax, chitarra).   

      Filo conduttore, come detto, sarà la Madre Cabrini, Santa Patrona dei migranti, di cui si mettono in risalto il coraggio, la misericordia ( la capacità di mettere il mio cuore accanto a quello di chi soffre ), la pietas in quanto condivisione, e anche la incredibile capacità visionaria, da artista, per cui “le cose che si sognano, a crederci fortemente, diventano vere”. Sogni e lavoro, concretezza lombarda e ascesi: la piccola suora lombarda ci guiderà dentro quel mondo di sofferenza, fatica, fede, disperazione che è la condizione dei migranti di sempre, sotto ogni latitudine. 

       A loro non si devono portare solo cibo, coperte e medicine, anche, si capisce, ma soprattutto la fede, intesa come valori spirituali: è alle bestie che si dà solo conforto materiale, agli uomini – ed è questo che ne fa degli uomini – vanno anche scuola, cultura, istruzione, vita sociale, valori immateriali fondanti la condizione umana.

MATERMUNDI

di Egidio Bertazzoni
con Giulia Lazzarini
Franco Sangermano e Pietro Ubaldi
con la partecipazione di Enrico Bonavera

direzione musicale e fisarmonica Gian Francesco Amoroso
sassofono Giacomo Bertazzoni
chitarra Davide Turolla

DOVE? Teatro LabArca, via M. d’Oggiono 1, Milano

QUANDO? 11 giugno 2017 ore 17:00 -dal 12 al 16 giugno 2017 ore 21:00

PREZZI: Intero 18€, ridotti 15€, bambini e ragazzi (elementari e medie) 10€

Prenotazione obbligatoria via e mail: labarcateatromusica@gmail.com
telefono dal lun al ven dalle 10:30 alle 12:30: 0236753473

 

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*