Libri, Massimiliano Loizzi: “Maledetta primavera”

maledetta primavera

«Un giorno, io e la mia ragazza abbiamo detto basta alla vita di città. Abbiamo sentito il nostro bimbo e la nostra bimba lamentarsi perché avevano le mani sporche di terra, nonché una paura fottuta degli insetti e di rotolarsi nell’erba, e abbiamo deciso, in quell’esatto istante, che saremmo andati a vivere in campagna.Abbiamo affittato un furgone, abbiamo caricato tutte le nostre cose e ci siamo trasferiti. Pochi mesi dopo è scoppiata una pandemia».

Con queste parole Massimiliano Loizzi ci introduce al suo “secondo capolavoro”,un racconto tra satira e poesia di quella maledetta primavera in cui il mondo si è fermato. Non un romanzo  sulla quarantena, ma un romanzo in quarantena. Abituato alla vita raminga della tournée,un attore può finalmente esaudire il desiderio di passare più tempo con i propri figli (anzi, con “il piccolino grande” e “la piccolina piccola”), che diventano il pubblico privilegiato della messa in scena di favole reinterpretate dal loro “papone” e compagni di avventure nel microcosmo del paese di campagna, popolato da personaggi in bilico tra realtà e fantasia «perché alla fine un uomo, o una donna, a furia di raccontare le sue storie, diventa quelle storie».

Con una prefazione di Saverio Tommasi, una mezzofazione di Pippo Civati e una postfazione di Lodo Guenzi, “Maledetta primavera” è disponibile sul sito della casa editrice (www.peoplepub.it) e in ebook nei principali store quali Bookrepublic, Amazon, e Kobo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*