Franco Parenti: “Il marito di Lolò”

Dopo alcune repliche di rodaggio negli spazi dell’ex Centro Balneare Caimi, lo spettacolo Il marito di Lolò, ideato da Andrée Ruth Shammah e realizzato da Benedetta Frigerio, debutta in forma definitiva al Teatro Franco Parenti.

André Borlat è un uomo di mezza età costretto a rinunciare al suo mestiere di fornaio a causa di un’invalidante allergia alla farina, e che vive di una modesta pensione anticipata. Trascorre le sue giornate filmando esposizioni di fiori e “masturbandosi un po’” una volta tornato a casa, ma soprattutto scrivendo lettere al grande amore della sua vita: Lolò Ferrari, la donna col secondo più grande seno del mondo – incrociata per caso sulle pagine patinate di alcune riviste specializzate.

Antoine Jaccoud regala al personaggio di Borlat un linguaggio spudorato, ma non scurrile. E André Borlat utilizza questa lingua, quasi fosse un bambino dinnanzi alle grandi domande sull’esistenza: perché siamo soli? Che cosa è la felicità? Perché fa tutto così male? Resisteremo fino alla fine? C’è una via d’uscita dalla miseria sessuale? E soprattutto e più volte: che cos’è l’amore?

Protagonista del monologo un intenso Pietro Micci, attore e performer duttile e moderno con diverse esperienze di teatro e teatro-danza, già diretto da Andrée Ruth Shammah in Una notte in Tunisia di Vitaliano Trevisan al fianco di Alessandro Haber, in Ondine di Jean Giraudoux, in Lulù di Carlo Bertolazzi e ne La Locandiera di Carlo Goldoni. E’ stato diretto anche da Giampiero Solari in Il Don Giovanni, Nozze e ne Il borghese gentiluomo.

IL MARITO DI LOLO’ – Racconto ispirato alla vita della pornostar Lolò Ferrari
di Antoine Jaccoud  
con Pietro Micci 
regia di Andrée Ruth Shammah   

DOVE? Teatro Franco Parenti

QUANDO? dal 10 al 29 maggio

PREZZI: intero 25€, Under26/Over60 14€ (+ prev. 1,50€)

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*