Teatro Menotti: “Io non sono un gabbiano”

gabbiano
Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Un funerale, quello di Arkadina, la celebre protagonista del Gabbiano, il capolavoro di Cechov, dà inizio a: Io non sono un gabbiano, una drammaturgia originale, frutto del lavoro di scrittura della Compagnia Oyes, che si confronta per la seconda volta con un testo dell’autore russo, dopo il successo di Vania. Un inizio sconcertante per uno spettacolo che utilizza l’artificio del “teatro nel teatro” per raccontare la vicenda cechoviana (ma, d’altra parte, Il Gabbiano non è forse il più metateatrale dei testi di Cechov?).

Durante il funerale di Arkadina le orazioni dei presenti assumono l’aspetto di performance artistiche, dato che quasi tutti i partecipanti sono, o si sentono, artisti o aspiranti tali: dal logorroico maestro Medvedenko, sedicente stand-up comedian a tempo perso, a Nina e Kostja. Lei sogna di raggiungere la fama come attrice, lui è ossessionato dalla ricerca di “forme nuove” nel teatro e nella vita. Quello che comincia come un omaggio sotto forma di monologo da parte di Nina viene però improvvisamente interrotto da Kostja che si “mette a nudo” nello sconcerto dei presenti. Solo Dorn, dottore emotivamente “anestetizzato” dalla razionalità, ha parole d’elogio per il gesto provocatorio. Toccherà a Trigorin, famoso scrittore, ristabilire l’ufficialità della situazione con un commovente discorso dedicato alla defunta compagna.

Dopo il funerale, la vita procede tra amori non corrisposti e chiacchiere vane. Masha accetta di sposare Medvedenko e, durante il matrimonio, tutti i personaggi si ritrovano nuovamente, “felici”, come fa notare lo sposo in un discorso per le nozze che trasuda sconfitta e tristezza. Apparentemente tutti hanno realizzato i propri sogni: Nina è un’attrice professionista, Kostja ha raggiunto la fama al prezzo della propria libertà creativa, gli sposi si baciano. Evviva gli sposi. Eppure tutti sono spenti, soli, forse morti. Nell’aria ora si sentono le note di “Felicità” di Albano e Romina, al posto del requiem iniziale, ma la differenza è impercettibile.

IO NON SONO UN GABBIANO
ispirato a Il Gabbiano di A. Cechov
ideazione e regia Stefano Cordella
con Francesco Meola, Camilla Pistorello, Umberto Terruso, Dario Merlini, Dario Sansalone, Camilla Violante Scheller, Daniele Crasti, Fabio Zulli

DOVE? Teatro Menotti

QUANDO? dal 15 al 18 febbraio

PREZZI: 16,50€

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*