Teatro Libero: “Ti si moj zivot”

ti si moj zivot
foto sergio battista

Ti si moj zivot è il racconto di una guerra. La guerra nella ex Jugoslavia. Una guerra che si è combattuta poco tempo fa, vicinissima nel tempo e nello spazio. Una guerra atroce, che ha visto fratelli uccidere fratelli, frantumando l’unità di una nazione, frantumando vite, sogni, speranze. Frantumando la loro stessa storia.
Di chi sono stati i torti? Chi ha iniziato? Chi ha commesso i crimini peggiori? Qual è stato il ruolo delle grandi potenze internazionali? E’ praticamente impossibile dare una risposta. Non lo sanno nemmeno loro, i tanti popoli che hanno combattuto questa guerra tremenda, iniziata in Slovenia e finita in Kosovo, senza che alcuna di quelle regioni potesse uscirne indenne. Per più di un decennio.

Questo spettacolo è il primo capitolo di una trilogia che a partire da questa stagione si svilupperà nelle prossime due.
Poniamo la lente di ingrandimento su alcune delle tante piccole storie che hanno attraversato il primo anni della guerra in Bosnia, tra il 1992 e il 1993, dando voce alle tante persone che sono rimaste schiacciate sotto il peso delle macerie (strutturali e morali) senza davvero capire cosa stesse accadendo.

Incontriamo allora Bosko e Admira, due giovani fidanzati di etnie e di religioni differenti.
Incontriamo Zlata, una bambina di 11 anni che ha scritto in un diario la sua visione di quegli anni. Incontriamo Suada, una giovane studentessa in medicina di Dubrovnik.
E incontriamo Vedran, mentre suona il suo violoncello sulle rovine della biblioteca di Sarajevo. Sullo sfondo, quasi in controluce, le Olimpiadi invernali di Sarajevo del 1984 e i mondiali di calcio di Italia 1990. Quando ancora nessuno poteva immaginare cosa sarebbe successo. Quando ancora la Jugoslavia esisteva.

 

TI SI MOJ ZIVOT
Tu sei la mia vita
drammaturgia e regia Alessandro Veronese
con Elisa Giorgio e Alessandro Veronese

DOVE? Teatro Libero

QUANDO? dal 31 gennaio al 3 febbraio ore 21, domenica ore 18

PREZZI: intero 18€, ridotto 13€

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*