Teatro Franco Parenti: “Kaddish”

Kaddish
foto Laila Pozzo

Teatro e poesia. Un binomio che Ferdinando Bruni ha già sperimentato in spettacoli come Una stagione all’inferno, Una serie di stravaganti vicende, rimasti nella memoria di moltispettatori. Dopo Rimbaud, Salinas e Poe, Bruni si mette alla prova con le parole di Allen Ginsberg, autore dallo stile anticonformista, non aulico e intimistico che riuscì, forse, a trarre i risultat ipiù puri e interessanti dell’esperienza della “Beat Generation”. Kaddish, testo in cui il poeta ha messo a nudo la propria anima, è una meditazione sulla morte della madre dell’autore scritta sotto l’effetto di anfetamine. La poesia di Ginsberg trova espressione in un verso che prende a modello la cadenza delle libere variazioni jazz di Charlie Parker, del bebop e della ritualità ebraica. Ginsberg stesso parla, a proposito dei suoi testi, di vocalizzazione musicale, canzoni, poesie sonore capaci di offrirsi “come qualcosa da utilizzare per la propria vita”. Bruni asseconda la struttura poetica originaria, il variopinto gioco vocale, l’intensità dell’iterazione, le ossessioni visionarie della poesia di Ginsberg fondendole alla ricerca di un nuovo spazio per la comunicazione che ridia senso, valore e peso alle parole, sottraendole all’usura della banalità quotidiana.

KADDISH
testi Allen Ginsberg
traduzione Luca Fontana
con Ferdinando Bruni
regia e video Francesco Frongia
musiche Giovara/Giaccone

DOVE? Teatro Franco Parenti

QUANDO? dal 16 al 30 maggio

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*