Nuovo Teatro Ariberto: “Un telescopio tutto per sé”

telescopio

“Se ha intenzione di scrivere romanzi, una donna deve possedere denaro e una stanza tutta per sé.” V. Woolf.

Così pure se vuole occuparsi di scienza. Solo la perseveranza, la genialità e la fortuna potevano, a volte, aprire alle donne le porte della ricerca. Un’attrice e una giovane e affermata astrofisica italiana rivelano sulla scena le testimonianze e le vicende di donne che hanno contribuito a scrivere la Storia dell’Astronomia e che ne hanno rivoluzionato il cammino. Un viaggio affascinante, dal 1700 ai giorni nostri, un viaggio irto di ostacoli, di sconfitte, ma anche di grandi vittorie che hanno permesso di scoprire le leggi del Cielo, grazie agli occhi di donne coraggiose. Incorniciati dalle pagine più belle di Virginia Woolf, i gesti e le parole di Gabrielle Émilie du Châtelet, Caroline Herschel, Annie Cannon, Cecilia Helena Payne Gaposchkin, Margaret Burbidge e Jocelyn Bell, ricordano tutte coloro che non hanno avuto, né avranno mai le stesse possibilità. Mentre scorrono lettere, testimonianze, tasselli di storie che si ripetono, sullo sfondo scorrono le immagini delle loro vite, delle loro scoperte e dei cieli che hanno osservato.

UN TELESCOPIO TUTTO PER SE’
di e con Maria Eugenia D’Aquino
partecipa Ilaria Arosio, astrofisica e divulgatrice dell’Osservatorio Astronomico di Brera

DOVE? Nuovo Teatro Ariberto

QUANDO? dal 20 al 23 ottobre

PREZZI: intero 24€, ridotto 18/12€

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*