Teatro Studio Melato: “Odissea”

odiseea
foto Luigi Burroni

Dal 17 al 22 aprile, al Teatro Studio Melato, Mario Perrotta mette in scena la sua Odissea: i versi di Omero, il dialetto leccese e un’epica che si fa sofferta esperienza personale, accompagnata dalle musiche originali di Mario Arcari e Maurizio Pellizzari. Un racconto narrato da un punto di vista inconsueto, quello di Telemaco,  figlio dell’eroe che racconta la sua versione dei fatti.

Questa sera mi affitto due musicisti, li porto nella piazza del paese e faccio il botto! Stasera succede un casino… Con una giacchetta da artista di varietà e il viso coperto di biacca entra in scena Telemaco, figlio di un Ulisse mai tornato, e comincia il suo spettacolo.
“C’è un personaggio nell’Odissea che, da sempre, cattura la mia attenzione, un personaggio che molti non ricordano neanche: Telemaco”, spiega Perrotta. “Ho provato a chiedere in giro e, difatti, molti ricordano il cane di Ulisse – Argo, mi pare… – ma non il figlio. Io, invece, ne ho sempre subito il fascino, perché la sua attesa è carica di suggestioni. Telemaco non ha ricordi di Ulisse, non l’ha mai visto, non sa come è fatto, non sa il suono della sua voce: per Telemaco, Ulisse è solo un racconto della gente. Lui è l’unico personaggio dell’Odissea che può costruire un’immagine di Ulisse calibrata a suo piacimento. I pensieri di Telemaco, forse, sono l’unico luogo dove Ulisse può essere ancora un eroe”.
E così il protagonista non risparmia nulla, a se stesso e agli altri: racconta, come sa e come può, la sua versione dei fatti. E ogni sentimento diventa corpo e parole in musica, avanspettacolo, versi sciolti e danza, odissea a brandelli di un ragazzo che non sa tenere insieme i cocci di una storia – quella di suo padre – che non sta più in piedi. “Per Telemaco – annuncia Perrotta – il tempo dell’attesa è scaduto: è ora di fare spettacolo”.

ODISSEA
scritto, diretto e interpretato da Mario Perrotta

DOVE? Teatro Studio Melato

QUANDO? dal 17 al 22 aprile

PREZZI: platea 33 euro, balconata 26 euro

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*