Megafestival Basiano

megafestival

Presentata la seconda edizione della rassegna teatrale Megafestival Basiano – Atti di ordinaria inclusione per un paese extraordinario. Ecco il programma

18 NOVEMBRE
(eccezionalmente dalle ore 16.30)

COLORI – Settimo Archetipo Panico (Treviglio)
Uno spettacolo teatral-sensoriale per un numero limitato di spettatori dove la distanza e la differenza di ruolo tra attore e spettatore si assottiglia e si confonde. È un incontro di emozioni, esperienze, sensazioni tutte vissute al buio. È un rito diverso e unico per ogni spettatore, imprevisto e irripetibile come un qualsiasi atto della vita: una pluralità di originali a volte sensibilmente diversi gli uni dagli altri.
CANTO D’AMORE – MariaRosa Criniti + Davide Dav Danelli
Progetto neonato. Un affiancamento di testi di autori come Samuel Beckett, Mariangela Gualtieri, fino a ritornare a Dante per la ricerca di un unico comune denominatore. “Un luogo fragile, una specie di purgatorio di buoni dove tengo da parte alcuni testi di autori noti di cui un giorno ho detto : “come mi piacerebbe dirli ad alta voce, per qualcuno!”.

A seguire: DJ SET CON HELL YEAH RADIO
Festa di apertura con aperitivo e musica per dare il via definitivo alla stagione 2018/2019
________________________________________

9 DICEMBRE

L’UOMO CON LE VALIGIE (DELIRIO SU IONESCO) – Gruppo Teatrale Alchimia (Gorgonzola)
Megafestival dedica una serata alle compagnie amatoriali del territorio Martesana. Il gruppo teatrale Alchimia porta in scena Ionesco con i suoi mondi onirici e i suoi personaggi improbabili, in una esilarante versione de “L’uomo con le Valigie” che pone l’attenzione sulla condizione umana di smarrimento della propria identità, della propria patria, del proprio senso, della vita stessa.

A seguire: MARY GREEN
Acoustic Rock Milanese, vincitrice del primo premio al concorso “universiday” indetto dal Corriere della Sera. Finalista del talent Special stage 2015, finalista nazionale del concorso Emergenza Festival 2015.
_______________________________________

13 GENNAIO

IL 45 GIRI DI ASTORRITINTINELLI – Astorritintinelli Teatro
(di e con Alberto Astorri e Paola Tintinelli)
Immaginazione al potere è stata una delle parole d’ordine degli studenti del sessantotto, ai quali il filosofo Mancuse (ideatore della frase) guarda come veicolo attraverso il quale si può realizzare la liberazione.
La ragione e il linguaggio non sono più in grado di trascendere la realtà e di opporre un “grande rifiuto” al modello vigente, per questo l’umanità deve appellarsi all’immaginazione, unico strumento capace di comprendere le cose alla luce della loro potenzialità.
Folliar è invece la parte centrale di questo nostro 45 giri che vuol’ essere una piccola antologia personale ed è il primo studio dell’ultimo nostro lavoro che ha debuttato nell’ottobre di quest’anno a Milano.
Una riflessione sull’arte della scena in cui due attori di beckettiana memoria si confrontano sul fallimento dell’Arte e sulla sua inutilità rispetto alle vicende del mondo.

A seguire: THE FUNNY FARM
Bresciani di origine, nata per caso nel 2015, la band “the funny farm” riunisce musicisti con background musicali profondamente diversi. L’anomala miscela di teste e gusti ha dato vita a un repertorio di brani inediti in lingua inglese indie hard rock, caratterizzato da atmosfere vittoriane tra il non-sense e il rock melodico.
_______________________________________

10 FEBBRAIO

TRA LA VITA E LE MORE – Locanda Spettacolo
(di e con Francesca Biffi e Matteo Curatella)
Un’evocazione di ricordi legati alla propria terra. Una serata tra narrazione e musica, come nelle locande di una volta. Francesca Biffi e Matteo Curatella entrano a piedi scalzi per ritrovare le loro prime impronte e lasciarne di nuove, per raccontarsi l’un l’altro delle infanzie trascorse sul bordo di un fiume, il Po e il Ticino, ma anche il nord ed il sud, le magiche creature della cupa e le iniziazioni contadine, le lettere scritte dai nonni al fronte e le feste per natale e capodanno.

A seguire: FRANCESCA SOLIVERI
Francesca è polistrumentista e cantautrice da sempre. Il suo primo strumento è il basso. Musicista sui palchi d’Italia da oltre 25 anni come coverista, ha iniziato a comporre brani all’età di solo 11 anni e all’attivo ha oltre 30 brani. E’ in preparazione il primo album che vede la collaborazione prestigiosa di Riky Anelli. Nell’autunno 2018 inizierà anche l’attività live proponendo la sua musica e qualche cover riarrangiata.
__________________________________________

10 MARZO double stand-up comedy night

TV SORRISI E CEFFONI (di e con Davide Fabbrocino)
Una comicità serrata, dissacrante e intelligente che non risparmia nessuno: italiani in patria e all’estero, boss mafiosi, mostri esibiti in televisione, reality show, terrorismo, sesso e ambientalismo. La spontaneità di Fabbrocino cattura gli spettatori portandoli in un mondo in cui, tra una risata e l’altra, emergono citazioni filosofiche e guizzi poetici. Le sue riflessioni sul mondo e le sue battute sono veri e propri “ceffoni” che difficilmente verranno dimenticati.

A seguire: NATHAN KIBOBA
Giovane Stand Up Comedian si Kinshasa, attivo sulla scena Milanese, dove si è già esibito diverse volte in luoghi oramai simbolo del genere, come la Santeriae il Ghe Pensi Mi.
_______________________________________

14 APRILE

UN BRUTTO TINELLO MARRON
(Nuvole in viaggio, di e con Nicola Castelli e Cristiano Poletti)
Recital Musicale dedicato a Paolo Conte. Piuttosto che realizzare un tributo, Nuvole in Viaggio ha deciso di ispirarsi all’immaginario Contiano per inventare una storia che fosse scandita da brani del cantautore e compositore astigiano. Protagonista della vicenda è il cosiddetto Uomo del Mocambo, personaggio che compare in diverse canzoni di Conte e che racchiude in sé quello strano miscuglio fra provincia piemontese e sogno tropicale, misera routine e fuga esotica.

A seguire: LUCA NOCCO
Nasce in alta Valle Sabbia Bresciana, il padre musicista lo indirizza verso la musica all’età di 10 anni. Nel 2010 fonda i The Hula Baby con i quali propone un repertorio di rock ‘n’ roll
alla vecchia maniera, calcando più di 300 palchi in 8 anni. Negli ultimi due anni si mette alla prova nuovamente e vuole lasciare nel panorama musicale anche il proprio segno. Decide quindi di lavorare a brani inediti e di uscire a settembre 2018 con un album di 9 brani scritti di proprio pugno, sia musicalmente che come testi.
_______________________________________

12 MAGGIO

L5-S1 UNA STORIA NATURALE
(di Michella Tilli, Alessia Vicardi, Chiara Petruzzelli, Flavio Aster Bissolati.
Con il sostegno di Teatro Binario 7 di Monza)
Una donna alle prese con una patologia invalidante alla schiena. Un viaggio tra le pieghe del dolore fisico. Una musicista e musicologa che affronta una degenerazione fisica, dovuta ad una malformazione genetica, nell’unica modalità con cui chi è vittima di una beffa (proprio) della natura può usare per non farsi inghiottire dalla disperazione. Con un meraviglioso viaggio ironico.

A seguire: LA STANZA DELL’ODIO
Il nome prende ispirazione dal romanzo distopico “1984” di George Orwell (fondendo al suo interno i 2 minuti d’odio e la stanza 101, entrambe passi salienti del romanzo) Il progetto è un mix di sonorità elettro/acustiche fortemente influenzate dal rock e dal grunge degli anni ’90 (Alice in Chains,Soundgarden, Stone Temple Pilots, Days of The New etc.) ma non disdegna la sperimentazione sconfinando anche in territori più soft (Jeff Buckley, Elliot Smith).
____________________________________
9 GIUGNO

UN CAPITANO – CENTOMILA CHILI SULLE SPALLE
(Asilo dei lunatici, Eleonor Gusmano, Giulia Lombezzi, Ivano Russo.
Spettacolo vincitore del premio speciale Riviera dei Monologhi 2017.
Semifinalista premio Scenario Ustica 2017)
Tratta dalla vera storia di Amr, 21 anni, che nell’estate del 2006, durante i mondiali di calcio, decide di tentare la traversata per mare dalla Libia all’Italia.
Una storia d’avventura, di attesa, di azione, di calcio e di mare, di incoscienza, tecnica, superstizione e scommessa. Una storia che è stata semi nascosta dentro di lui per dieci anni. È la storia del fatto che a volte si può decidere di trovarsi sia al posto, che al momento giusto. Ma soprattutto, è la storia di cosa vuol dire prendersi una responsabilità per chi la vive e per chi la ascolta.

A seguire: KILL DAFNE
Fabiana Parzanini (testi, voce e chitarra), Elisa Vincenzi (basso), Michele Fregoni (chitarra) e GP (batteria) compongono Kill Dafne, un progetto musicale avviato a Brescia verso la fine del 2015. I brani parlano inglese e italiano, raccontano delle sconfitte e delle rivincite della vita. Il loro sound ronza attorno a Pop, Rock, Grunge.
Primi classificati al concorso LeffeGiovani 2015 – Primi classificati al concorso Genera_Azioni 2016 – Primi classificati al contest Ring Musicali 2017 del Teatro delle Ali di Breno – Primi classificati al contest Rugby Night Fest 2017.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*