Il carnevale dei truffati

il carnevale dei truffati

Il destino può riservare strani incontri, come quello tra il commissario Luigi Calabresi e l’anarchico Giuseppe Pinelli, che nell’aldilà si trovano a camminare fianco a fianco. Un confronto surreale e grottesco a cui si aggiungono le voci, ora amare ora rassegnate, di altre vittime del terrorismo e della lotta armata.

Lo scenario cambia quando improvvisamente irrompe sulla scena, attraverso un singolare collegamento video, un dio ironico e anticonvenzionale, un vero e proprio deus ex machina impersonato da Paolo Rossi, che decide di rispedire questa strana coppia sulla terra, ai giorni nostri, a Milano.

I due vengono così a conoscenza di tutto ciò che è successo dalla loro morte, dal crollo del muro di Berlino all’avvento di Internet, dagli attacchi alle torri gemelle alla primavera araba; ma è soprattutto l’Italia di Silvio Berlusconi a stimolare le loro tragicomiche riflessioni su “chi eravamo” e su come sia stato possibile ritrovarsi in un mondo dove le barzellette sembrano contare più dei discorsi e dei valori.

Quando la giustizia non compie il suo corso, per nemesi storica, rimangono delle voragini che verranno inevitabilmente colmate in un modo non consono. A distanza di decenni le tante stragi italiane avvolte nel mistero – da Portella della Ginestra a piazza Fontana e piazza della Loggia, dall’Italicus a Ustica – creano reazioni forti, come se fossero avvenute ieri, tra chi le conosce e le ha patite. Sono piaghe sempre aperte, stigmate, che forse trovano alimento all’interno delle lacerazioni che ancora dominano il paese.

Mettere in scena un testo che ha per protagonisti personaggi come Pinelli e Calabresi fa tremare le vene ai polsi. Riteniamo però che sia necessario, non solo per dare spazio a ricordi che uniscono o dividono, non solo perché le loro tragedie reali mescolano da sempre umanità e politica, rancori e amori, ma perché siamo stanchi di finzioni e maschere al di fuori del teatro. Anzi, nell’ultimo ventennio è diventata più forte l’esigenza di un teatro che possa narrare la memoria diventata storia, e non abbiamo alcuna nostalgia (tutt’altro) di un periodo in cui lo scontro politico sconfinava nell’inconfessabile. Abbiamo soltanto cercato, anche attraverso il sorriso e i colpi di scena, di stabilire un contatto diretto fra quel passato, che troppi ignorano, o hanno dimenticato, o fingono di dimenticare, e questo presente che, anche se non lascia scie di morti, tra arroganza, mancanza di prospettive, rischia di fare male lo stesso, seminando indolenza e nichilismo.

 

IL CARNEVALE DEI TRUFFATI
di  Piero Colaprico
collaborazione drammaturgica Renato Sarti, Bebo Storti
con Renato Sarti, Bebo Storti  e in video Paolo Rossi.

DOVE? Teatro della Cooperativa

QUANDO? dal 15 al 27 giugno. Tutti i giorni h. 20.45 – domenica 21 giugno riposo

PREZZI: intero 18 € – ridotti 15/9 €

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*