Franco Parenti: “Prospettiva Dostoevskij”

Prospettiva Dostoevskij – Da Delitto e Castigo a I Fratelli Karamazov: tre spettacoli e una serie di approfondimenti con lezioni magistrali e conversazioni al Teatro Franco Parenti. Tre capitoli dell’opera del grande scrittore che esplorano gli stati d’animo di tre protagonisti  che vivono le loro storie in uno stato allucinatorio scontrandosi col Male, col Destino, con la Follia, con la Vita e la Morte.

29 novembre – 4 dicembre
CAPITOLO 1
IL TOPO DEL SOTTOSUOLO
una storia di ozio e depravazione verso “Delitto e Castigo”
Adattamento di Alberto Oliva e Mino Manni
da Delitto e castigo di Fedor Dostoevskij
Con Mino Manni
Regia di Alberto Oliva
Dostoevskij dedica molte pagine nella seconda parte di Delitto e Castigo a un personaggio straordinario, completamente fuori da ogni regola. Svidrigajlov, incallito giocatore che scommette su se stesso per tutta la vita, giocando ai limiti del consentito una partita senza esclusione di colpi col destino. Dostoevskij ci fa conoscere Svidrigajlov dall’interno, penetrando nella sua mente contorta e piena di contraddizioni, raccontandoci la storia di un uomo che si definisce “malato”, come il protagonista di Memorie dal sottosuolo. E anche lui, infatti, è un personaggio del sottosuolo, anzi, un topo, come quelli che vede in un delirio di allucinazioni nell’ultima notte della sua vita, quella che precede il suicidio, estremo e definitivo atto di coraggio e di sfida alla morte. Lo spettacolo è ambientato in una sordida locanda di Pietroburgo; sulla scena gli spettatori siedono vicini al protagonista e diventano avventori, chiamati ad ascoltare le scabrose confessioni di questo personaggio estremo, condividendo con lui lo spazio teatrale  e diventando in qualche modo se non complici, custodi dei suoi segreti. La rottura della barriera tra attore e pubblico introduce ad una dimensione di intimità in cui a teatro, come nella vita, ogni sfumatura acquista un valore pregnante. Improvvisamente quest’uomo così lontano da noi nel tempo e nelle inclinazioni, diventa un nostro contemporaneo, quasi un fratello.
PREZZI: Intero 15€, Under26/Over65/Convenzioni 12€

17 – 22 gennaio 2017
CAPITOLO 2
IVAN E IL DIAVOLO
Il mistero del doppio nei “Fratelli Karamazov”
con Mino Manni e Francesco Meola
Il capitolo più misterioso, per il suo particolare stile grottesco, dell’ultimo grande romanzo di Dostoevskij prende vita in uno spettacolo al confine tra la realtà e l’allucinazione, per sondare le radici del male. La scena ci mostra un ambiente logoro e sudicio, come a dare una rappresentazione esterna dell’anima di Ivan: un bagno che dovrebbe fungere da luogo della purificazione e della pulizia e che, al contrario, è più sporco di una latrina pubblica, abbandonato al degrado. Ma il bagno è anche il luogo tipico della solitudine, dell’incontro con se stessi davanti allo specchio, l’incontro con il proprio doppio. E’ qui che il giovane Ivan incontra il suo alter ego, il diavolo. Ma è un diavolo grottesco e a tratti ridicolo, paradossale come è paradossale per Dostoievskij il male. Ne nasce un dialogo surreale, grottesco e folle, in cui, alla richiesta di senso di Ivan, il diavolo risponde in modo sorprendente e imprevedibile. Il testo affronta il tema dell’ingiustizia del male, l’assoluta  insensatezza della violenza sui bambini, l’orrore che nasce nell’uomo quando comprende che il male in sé non solo è seducente, ma parte profonda del nostro essere. La possibilità di riconoscersi in questo male risolve lo scontro in un grande senso di liberazione.
PREZZI: Intero 15€, Under26/Over65/Convenzioni 12€

7 – 19 marzo 2017
CAPITOLO 3
DELITTO E CASTIGO
Una discesa agli Inferi tra lucidità e follia
Adattamento di Alberto Oliva e Mino Manni
da Fedor Dostoevskij
regia di Alberto Oliva
con Valentina Bartolo, Francesco Brandi, Maria Eugenia D’Aquino, Matteo Ippolito, Massimo Loreto, Mino Manni e Camilla Sandri
La parabola esistenziale di Raskolnikov, che uccide per sentirsi un’anima eletta e non una persona qualsiasi, è il punto di partenza per un’analisi profonda sul mistero dell’uomo e sull’impossibilità di ogni giudizio che punti a dividere gli esseri umani in buoni e cattivi, vittime e carnefici, salvati e dannati. Il giovane studente commette il delitto e poi sprofonda in uno stato mentale che alterna una lucidità cinica e graffiante a momenti di delirio convulso, in un crescendo di sensi di colpa e angosce che lo porteranno alla confessione e al castigo del titolo, ma senza alcuna pretesa di insegnamento morale. Attorno a lui ruotano personaggi deliziosi, dalla bella Sonja all’amico Razumichin, dalla vecchia usuraia uccisa per pochi spiccioli al disincantato Porfirji, e tanti altri, in un affresco ricchissimo di umanità cui attingere per una vertiginosa discesa agli inferi. Incubi, visioni al confine con la follia, si alternano a scene di crudo realismo fra i vicoli di Pietroburgo, bettole e squallide stanzine da cui ci si spia, si piange e si ama.
PREZZI: Intero 15€, Under26/Over65/Convenzioni 12€

LECTIO E INCONTRI
a cura di Irene La Scala
Un percorso di avvicinamento a Delitto e Castigo che si snoda attraverso lezioni e conversazioni,  per immergersi nell’universo romanzesco del geniale scrittore russo e nei grandi temi della sua opera con Sergio Givone, Adriano Dell’Asta, Elena Kostjukovich, Fausto Malcovati, Damiano Rebecchini, Alessio Boni e Sergio Rubini.

Giovedì 1 dicembre alle ore 19.30
Le parole di Raskol’nikov
Lectio di Damiano Rebecchini
Traduttore della nuova edizione di Delitto e Castigo edita da Feltrinelli

Mercoledì 18 gennaio alle ore 18
La follia e il suo doppio in Dostoevskij
Lectio di Fausto Malcovati

Mercoledì 8 marzo alle ore 18
Delitto e Castigo, romanzo filosofico
Lectio di Sergio Givone

Venerdì 10 marzo alle 18
“La bellezza salverà il mondo”
Arte e spiritualità in Dostoevskij
Lectio di Adriano dell’Asta

Martedì 14 marzo alle ore 18
“La donna? Solo il diavolo sa cos’è.
Conversazione con Elena Kostjukovich e Fausto Malcovati  

Venerdì 17 marzo alle ore 18
Interpretare oggi Dostoevskij
Conversazione con Alessio Boni, Damiano RebecchiniSergio Rubini e Fausto Malcovati

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*