Caligola

Caligola

Annig Raimondi affronta un classico del Teatro: dall’11 al 26 aprile (con ripresa dal 17 al 28 giugno) il delirio del potere nel CALIGOLA di Albert Camus in prima assoluta con Maria Eugenia D’Aquino, Riccardo Magherini, Alessandro Pazzi, Annig Raimondi e Antonio Rosti in scena al Teatro Oscar di Milano.

‘Il potere ce l’ho io’, dice l’imperatore Caligola. “Nel più bel testo teatrale di Albert Camus, concentrato sul delirio del potere, – sottolinea Annig Raimondi- emerge il contrasto irrimediabile fra individuo e politica”. Caligola, forse pazzo, forse geniale, comunque sconvolto dalla morte della sorella Drusilla con la quale aveva un rapporto incestuoso, perde ogni controllo e fa decadere l’Impero. Caligola cancella qualsiasi tabù, abbatte i totem e demistifica la natura degli uomini: incarna la violenza e il male per mostrare che tutto è come appare. Medita e realizza, dunque, omicidi e uccisioni, espropriazioni e convulse ripartizioni del denaro; desidera possedere la luna e ne domanda la via al suo liberto-poeta, Elicone, che parte in missione non prima di averlo avvisato della prossima congiura contro di lui. Caligola detesta l’ipocrisia del sistema e dell’umanità che lo circonda: accenna solo in un istante a privarsi della sua maschera di imperatore-peste-rivoluzione, quando dialoga con il capo della congiura, Cherea, invitandolo ad abbandonare la menzogna e a dichiarare serenamente i suoi progetti. Al fianco di Caligola rimane una donna, Cesonia, che, incapace di sostituire Drusilla, s’innamora perdutamente della sofferenza e della follia di quell’uomo. “Quanto noi contemporanei conosciamo di Caligola è filtrato e inquinato dai secoli e da certe mistificazioni storiografiche. – evidenzia la regista – Il suo progetto ha un senso e una direzione. Tramite la morte, restituire la vita. Un monito a saper cogliere la bellezza e la purezza e l’amore in ogni singolo istante della propria esistenza”.

Le musiche dello spettacolo rientrano nel percorso di lavoro che ormai da anni PACTA . dei Teatri sviluppa insieme al compositore Maurizio Pisati: PACTAsoundZONE, un lavoro di ricerca per eventi dove teatro e musica siano concepiti in parallelo.

Nel CALIGOLA gli attori condividono il palco col loro doppio vocale elettronico, timbri e intonazioni vocali diventano strumenti musicali, personaggi che agiscono in parallelo e in dialogo diretto col disegno luminoso. “Il resto della musica -spiega il compositore Maurizio Pisati – oltre a trattare le voci come strumenti-personaggi, articola il suo cammino in un percorso sonoro d’ensemble: a poco a poco si forma un organico sempre più corposo e variegato, tra voci e suoni di sintesi dalle sonorità inedite, o strumenti musicali tradizionali elaborati per il dialogo intenso con la moltitudine di voci in scena.”

Caligola è un’opera teatrale di Albert Camus, elaborato in diverse versioni dal 1937 al 1958. Testo incentrato sul delirio del potere, venne rappresentato per la prima volta a Parigi nel 1945, al Théâtre Hébertot con Gérard Philipe nei panni dell’imperatore romano. Caligola, insieme a Lo straniero e Il mito di Sisifo entra a far parte della trilogia dell’assurdo, nella quale questo testo rappresenta la lotta tra la coscienza individuale e la burocrazia politica e intellettuale.

 

CALIGOLA
di Albert Camus
regia Annig Raimondi
con Maria Eugenia D’Aquino, Riccardo Magherini, Alessandro Pazzi, Annig Raimondi, Antonio Rosti

DOVE? Teatro Oscar

QUANDO? dall’11 al 26 aprile e dal 17 al 28 giugno MART-SAB 21 | DOM ore 17

PREZZI: Intero €24 | Ridotto e Convenzioni €18 | Under 25/Over 60 €12

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*